IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO

sabato 13 gennaio 2018

Scontrini gate, Marino condannato. Il Pd tace. Lui: «Sentenza politica»

Un «marziano», anche nelle aule di giustizia. La sentenza con la quale ieri la Corte d’Appello di Roma ha condannato per la vicenda degli scontrini, ribaltando l’assoluzione in primo grado, l’ex sindaco Ignazio Marino a due anni di carcere, altrettanti di interdizione dai pubblici uffici e al risarcimento dei danni nei confronti del Campidoglio (da quantificare in sede civile), fa del chirurgo che da due anni è tornato al suo lavoro di docente universitario a Philadelphia un outsider anche in questo campo. 

http://2.bp.blogspot.com/-nrYnyqvZtX0/Vg_R11RyAeI/AAAAAAAAMBs/uSsmOXTQKHU/s1600/MARINO.jpg
.


Difficile infatti ricordare una vicenda giudiziaria simile per un altro amministratore comunale della Capitale.

Dopo due ore di camera di consiglio, i giudici della III Corte lo hanno riconosciuto colpevole di peculato e falso per aver speso con le carte di credito del Campidoglio 12 mila e 716 euro in 56 cene consumate, tra il 2013 e il 2015 a Roma e in altre città italiane, con commensali che secondo il verdetto non erano affatto interlocutori istituzionali, come sostenuto dall’allora sindaco. Accolta in sostanza la tesi della procura che nella richiesta d’appello aveva annoverato tra gli indizi di colpevolezza il fatto che «26 delle 54 cene avvennero in giorni festivi o prefestivi», circostanza che secondo i magistrati «porta a considerare che si trattò di incontri avvenuti in tempi liberi da impegni istituzionali».
Di qui anche il falso, di cui Marino si sarebbe macchiato per occultare le spese indebite impartendo disposizioni al personale della sua segreteria perché redigesse «atti pubblici attestanti fatti non veri e recanti la sua sottoscrizione apocrifa». Confermata invece l’assoluzione dall’accusa di truffa formulata dalla procura che aveva accusato l’ex sindaco dem di aver procurato un ingiusto profitto alla sua Onlus, Imagine.
«La Corte di Appello di Roma oggi condanna l’intera attività di rappresentanza del sindaco della Città eterna – ha commentato Marino che nel giudizio era rappresentato dall’avvocato Enzo Musco – In pratica i giudici sostengono che in 28 mesi di attività, il sindaco non abbia mai organizzato cene di rappresentanza ma solo incontri privati. Un dato che contrasta con la più ovvia realtà e la logica più elementare. Non posso non pensare che si tratti di una sentenza dal sapore politico proprio nel momento in cui si avvicinano due importanti scadenze elettorali per il Paese e per la Regione Lazio».
Marino, che ha assistito all’udienza e ha lasciato il tribunale senza aggiungere una parola, ha comunicato poi le sue riflessioni in uno nota nella quale si è detto «amareggiato anche se tranquillo con la mia coscienza perché so di non aver mai speso un euro pubblico per fini privati», e ha annunciato che con lo stesso Studio Musco continuerà la «battaglia per la verità e la giustizia in Cassazione».
Come si ricorderà, fu questa vicenda degli scontrini – scaturita dagli esposti presentati in procura dal M5S e da Fratelli d’Italia, ed esplosa nell’ottobre 2015 come caso mediatico di grande appeal – il grimaldello con il quale il Pd cominciò a scardinare la giunta capitolina di Ignazio Marino, scomoda perché troppo a sinistra (la prima testa che volò fu quella del vicesindaco Luigi Nieri, di Sel) e perché in rotta di collisione con troppi potentati cittadini. Marino però fu accusato dall’allora premier/segretario Matteo Renzi di inefficienza e per questo, dopo vari rimpasti e una campagna stampa senza precedenti, fu licenziato con un inedito atto di sfiducia di tutti i consiglieri dem concordato davanti a un notaio.
Ieri «il silenzio del #PDMagnaMagna», come lo ha battezzato il capogruppo del M5S in Campidoglio, Paolo Ferrara, è stato ovviamente notato con sarcasmo dal partito che ha tratto più benefici dalla rovinosa caduta della giunta Marino e che ieri ha colto l’occasione per alzare un po’ di fumo sui problemi giudiziari di casa propria.
Durante l’udienza, davanti ai giudici, Marino aveva voluto ribadire che «mai nella mia vita e nelle mie funzioni da sindaco ho utilizzato denaro pubblico per motivi personali». «Nel 2014 – ha riferito l’ex sindaco alla Corte – ho donato diecimila euro del mio salario alla città e non ho mai chiesto rimborsi per un incontro di lavoro con il presidente della Roma per la vicenda stadio e con il sindaco di New York Bill De Blasio». Il chirurgo, ricordando poi di aver rinunciato alla carica di senatore prima dell’elezione a sindaco e di aver lasciato «oltre ottantamila euro nelle casse pubbliche», ha concluso: «Se sono un ladro, sono uno scemo e incapace di intendere e di volere».

Eleonora Martini 

Fonte 

Via i vaccini, leggi e tasse. L'ironia del web sulle promesse elettorali

Questi buffoni vogliono eliminare le Fake news, poi ti promettono mari e monti per mantenere la loro ricca poltrona sotto il culo.


http://edico-lando.it/images/La_Cava/PROMESSE_ELETTORALI.jpg
.

 Mai più canone, tasse universitarie, Jobs Act e così via, fino a centinaia di leggi. La campagna elettorale 2018 si è aperta a suon di promesse sull'abolizione di imposte e provvedimenti inseriti dai precedenti governi. E gli annunci dei partiti, che si rincorrono quotidianamente, hanno scatenato l'insofferenza sul web. Che come sempre risponde con ironia: l'hashtag #aboliamoqualcosa su Twitter è diventato trend topic in poche ore. In una sorta di fai-da-te della cancellazione di ciò che è più sgradito, ognuno sogna scherzosamente di eliminare le abitudini, i comportamenti e gli obblighi più sgraditi degli Italiani.

http://notizie.tiscali.it/export/sites/notizie/.galleries/16/staino-rai.jpg_997313609.jpg
.


Ad aprire la "gara" era stato per primo il Partito Democratico, che alcuni giorni fa ha proposto l'abolizione del canone Rai nella prossima legislatura. Un annuncio che il neopartito 'Liberi e Uguali', guidato da Pietro Grasso, aveva criticato rilanciando a sua volta l'abolizione delle tasse universitarie.
http://www.blogzero.it/wp-content/uploads/democrazia-5-stelle.jpg
.

Matteo Salvini, uno dei leader della coalizione di centrodestra, si è scagliato invece contro l'obbligo dei vaccini e la legge Fornero, proponendone la cancellazione.

https://scontent-sea1-1.cdninstagram.com/t51.2885-15/s480x480/e35/26065856_204845156747053_4654158297182502912_n.jpg?ig_cache_key=MTY4Nzk4NDc0NjgzODU5OTE5NA%3D%3D.2
.




Un rincorsa frenata da alcuni dietrofront: Silvio Berlusconi, il quale a sua volta si è detto d'accordo sull'eliminazione di alcune parti della legge Fornero, ha prima annunciato l'eliminazione del Jobs Act salvo poi ricredersi.

http://www.beppegrillo.it/immagini/immagini/tifidiancora.jpg
.

Stop anche dal Movimento Cinque Stelle: Luigi Di Maio ha ufficializzato in tv il suo ripensamento sull'uscita dall'euro, uno dei cavalli di battaglia dei pentastellati, per poi rilanciare con una pioggia di abolizioni: ben 400 leggi da cassare e persino un sito www.leggidaabolire.it nel quale ci si prepara ad un lungo elenco di leggi a cui dare battaglia.

Fonte

Commento di Oliviero Mannucci: ABOLIAMO I POLITICI! NON VOTATE. ALTRIMENTI SARETE LORO COMPLICI!!!!!!


giovedì 4 gennaio 2018

Tutto quello che non va nelle casette di Amatrice (non solo topi e infiltrazioni)

Nelle zone colpite dal terremoto del 2016 è arrivato il gelo e la neve. E nelle strutture abitative le emergenze si accumulano. La denuncia del Comitato 3e36

 

 È appena arrivata la prima vera morsa del gelo di quest’inverno e nelle 'casette' di Amatrice e Accumuli si registrano già i primi problemi. Le persone che hanno visto consegnarsi le chiavi dei moduli abitativi molti mesi dopo il sisma, ora si ritrovano a fare i conti con topi, danni agli impianti e porte bloccate dalla neve. Gli sfollati, costretti “combattere quotidianamente con problemi piccoli e grandi” non hanno dubbi: “Le SAE – strutture abitative di emergenza – sono l’ennesimo esempio di come le soluzioni imposte dall’alto, senza l’indispensabile coinvolgimento delle popolazioni interessate, portano al disastro annunciato”, denuncia il Comitato 3e36 di Amatrice e Accumoli.

 

“Decisioni affrettate e dettate da inesperienza”


Lo scorso 19 novembre il Consiglio Comunale di Amatrice ha approvato all’unanimità il “Regolamento d’uso delle strutture abitative in emergenza (Sae) e regolamento di uso delle parti comuni”, che il 28 novembre è stato pubblicato sull'Albo Pretorio. “Sicuramente i cittadini avrebbero potuto fornire un importante contributo, supportato dalla loro esperienza diretta, finalizzato a individuare soluzioni capaci di agevolare la loro vita quotidiana e alla creazione di condivise modalità di utilizzo delle abitazioni, consegnate tra l’altro nella maggioranza dei casi in tempi molto recenti”, sostiene il Comitato. Ma così non è stato e ora gli amatriciani si ritrovano a fare i conti con i primi grandi problemi.


I 7 problemi più grandi delle casette dei terremotati
 

Le porte bloccate dalla neve: Tra gli errori più grossolani, denuncia il Comitato, ci sono le porte d’ingresso che si aprono verso l’esterno e non verso l’interno. Un particolare che fa davvero la differenza in un paese sorto a 955 metri sul livello del mare: “Ad agosto non è affatto un problema, ma lo è in questo periodo, o fra un mese, quando cadrà un metro di neve che di fatto impedirà alle persone di uscire di casa”.
Divieto di chiusura di pensiline e verande: Per lo stesso motivo, il Comitato si scontra contro il divieto posto dal Regolamento di chiudere verande e pensiline. “Ci sembra una scelta affrettata, perché non tiene conto delle particolari condizioni climatiche del territorio, e delle caratteristiche costruttive delle SAE. Tali strutture, infatti, se nella stagione estiva sono perlopiù elementi di protezione dall’irraggiamento solare, nella stagione invernale, soprattutto nelle zone di montagna, possono divenire fondamentale elemento di protezione dalle avverse condizioni climatiche (freddo/vento/pioggia e neve) ed essere elemento di filtro tra esterno ed interno, contribuendo anche ad un risparmio energetico”. 
Senza considerare, poi, che “avere una veranda fruibile in zone montane come quelle di Amatrice ed Accumoli, soggette a condizioni ambientali molto difficili, favorirebbe anche la socializzazione degli anziani che, riparati dalle intemperie ma presenti e visibili, avrebbero la possibilità di partecipare alla vita del villaggio, ricreando l’atmosfera sociale che è stata la caratteristica degli antichi borghi. Non dimentichiamo che gli anziani costituiscono, in alcune Frazioni, la maggioranza dei residenti nelle aree SAE”.
Le infiltrazioni: Le abitazioni presentano infiltrazioni di acqua piovana dalle coperture e perdite dalla rete idrica e di riscaldamento.
Vivere con i topi: I terremotati delle Sae hanno iniziato a dividere casa con i topi che si introducono in casa attraverso lo scarico delle cucine, bucano il materiale di isolamento delle condutture idriche danneggiano l’impianto. “E tocca ai cittadini intervenire per mettere in sicurezza le tubature. Privatamente”
Le vibrazioni che ricordano il sisma: L’elasticità strutturale dei fabbricati provoca vibrazioni molto fastidiose che ricordano il terremoto (da centrifughe delle lavatrici, camminamento ecc ). “Se non si avverte l’amico che abita due SAE più in là, si corre il rischio di farlo saltare dal letto ogni volta che si avvia una lavatrice perché l’effetto è quello di un “terremoto simulato".
Il liquido antigelo (non previsto): Negli impianti di riscaldamento delle casette, alle basse temperature, si attiva un sistema di ricircolo acqua alimentato elettricamente. In caso di assenza di energia elettrica e in zone con temperature invernali molto basse è comunque necessaria l’immissione di liquido antigelo nell’impianto. La fornitura di antigelo però, spiega il Comitato, non è stata prevista nelle SAE di Amatrice e Accumoli.
No a stufe e camini: In tuti i moduli è proibita l’installazione di stufe e camini. Ma “in caso di assenza di energia elettrica le caldaie, alimentate elettricamente, non potranno garantire il corretto riscaldamento. E non sono stati comunque previsti gruppi elettrogeni che assicurino almeno il regolare funzionamento delle caldaie”.

Fonte




Discorso fine anno, Mattarella: "Penso ai diciottenni che voteranno, i partiti guardino al futuro"

 Il presidente della Repubblica ha parlato dei giovani, dei diritti, del clima, ha lanciato un appello ai partiti, ha citato papa Francesco per poi affrontare temi sociali come il lavoro, ricordando infine le vittime del terremoto, della tragedia di Rigopiano, e dell'attentato terroristico di Barcellona

 ROMA - "Mi auguro una grande partecipazione al voto, che nessuno rinunci a concorrere a decidere le sorti del nostro Paese".  L'Italia "non è un Paese in presa al risentimento, io conosco un'Italia della solidarietà, generoso". I problemi ci sono, ma "possono essere superati, soprattutto con l'impegno di chi occupa i posti più alti ai vertici della Repubblica".

 
https://sites.google.com/site/kaos66kaos/_/rsrc/1472765691693/pagina-4/italiani%20ed%20estinzione%20vingnetta%20kaos66.jpg?height=255&width=400

Parla Sergio Mattarella, e, nel suo discorso di fine anno (commentato positivamente dal mondo della politica), manda un fiducioso abbraccio a tutti gli italiani che si preparano alla nuova tornata elettorale, da guardare con "serenità e con speranza". Da una "prova alta di democrazia" come appunto quella dell'esercizio del voto, il nostro Paese ne uscirà di sicuro rafforzato, migliore. "Le elezioni sono una pagina bianca, saranno gli elettori a scriverla". Se, come chiede e auspica il presidente della Repubblica, ci sarà "la più ampia partecipazione di tutti".


https://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2017/11/21/Vauro211117.jpg
Con il dovere di "proposte adeguate, richiesto fortemente dalla dimensione dei problemi del nostro Paese", chiede ai partiti. In un discorso di dieci minuti, a reti unificate dallo studio alla Vetrata, Mattarella in qualche modo ribalta allarmi e preoccupazioni che aleggiano sull'esito del test del 4 marzo, e spedisce al Paese una cartolina di auguri in positivo per il 2018. Ma non possiamo vivere "nella trappola di una sorta di eterno presente, bisogna guardare al futuro, anche se può evocare incertezze, ma i cambiamenti vanno governati per evitare che si creino diseguaglianze".


È proprio questo "il compito della politica, il dovere di proposte adeguate, concrete, come richiesto dal Paese. Non è mio compito formulare indicazioni ma il lavoro è la prima questione, soprattutto per i giovani".
n questi mesi di un secolo fa i diciottenni di allora - i ragazzi del '99 - vennero mandati in guerra, nelle trincee. "Molti vi morirono. 

https://d1vvp9ihshjy3m.cloudfront.net/video/VkX2jOSwf0Myu5OI_pd.jpg?1447425830021
Questa è la "democrazia" in cui viviamo!

Oggi i nostri diciottenni vanno al voto, protagonisti della vita democratica. Propongo questa riflessione perché, talvolta, corriamo il rischio di dimenticare che, a differenza delle generazioni che ci hanno preceduto, viviamo nel più lungo periodo di pace del nostro Paese e dell'Europa. Non avviene lo stesso in tanti luoghi del mondo. Assistiamo, persino, al riaffacciarsi della corsa all'arma nucleare".

E aggiunge: "Non possiamo vivere nella trappola di un eterno presente, quasi in una sospensione del tempo, che ignora il passato e oscura l'avvenire, così deformando il rapporto con la realtà. La democrazia vive di impegno nel presente, ma si alimenta di memoria e di visione del futuro".

"Occorre preparare il domani. Interpretare, e comprendere, le cose nuove. La velocità delle innovazioni è incalzante; e ci conduce in una nuova era, che già cominciamo a vivere". Cambiano gli stili di vita, i consumi, i linguaggi. Mutano i mestieri, e la organizzazione della produzione. Scompaiono alcune professioni; altre ne appaiono. I cambiamenti, tuttavia, vanno governati per evitare che possano produrre "ingiustizie e creare nuove marginalità".


http://1.bp.blogspot.com/-abqf1lgu7Ng/VJinrLhCP2I/AAAAAAAAIKA/wE2LXSwnWTo/s1600/FANTASIA.jpg
Quindi, l'appello ai partiti che saranno impegnati nella campagna elettorale: "L'autentica missione della politica consiste, proprio, nella capacità di misurarsi con queste novità, guidando i processi di mutamento. Per rendere più giusta e sostenibile la nuova stagione che si apre".

"La cassetta degli attrezzi, per riuscire in questo lavoro, è la nostra Costituzione: ci indica la responsabilità nei confronti della Repubblica e ci sollecita a riconoscerci comunità di vita. L'orizzonte del futuro costituisce, quindi, il vero oggetto dell'imminente confronto elettorale". Con un augurio particolari agli italiani che nell'anno che si chiude hanno sofferto di più. "Tanti nostri concittadini vivono queste festività in condizioni di disagio, per le conseguenze dei terremoti, che hanno colpito larga parte dell'Italia centrale. A loro desidero far sentire la vicinanza di tutti".


https://4.bp.blogspot.com/-9zU_46mvfhs/WiB-sHYvWOI/AAAAAAAAT4w/ZK8Fwr4OYMkeDKOTM17n7qd_DPIy-LPaQCLcBGAs/s320/normalitaterremoto.jpg
"Gli interventi per la ripresa e la ricostruzione proseguono e, talvolta, presentano difficoltà e lacune. L'impegno deve continuare in modo sempre più efficiente fino al raggiungimento degli obiettivi. Esprimo solidarietà ai familiari delle vittime di Rigopiano e della alluvione di Livorno; ai cittadini di Ischia, che hanno patito gli effetti di un altro sisma. E a tutti coloro che, nel corso dell'anno, hanno attraversato momenti di dolore come i nostri concittadini vittime dell'attentato di Barcellona".

Fonte

 Commento di Oliviero Mannucci: Caro Matterella non se la prenda se le dico che il suo discorso è stato un chiaro esempio che voi politici non vivete nella realtà! Il paese è agonizzante, la forbice fra chi è ricco e chi è povero è sempre più grande. La sanità è allo sfascio, la scuola pure, il debito pubblico fra un pò verrà espresso con l'esponente per quanti cifre ha. Si stanno creando i presupposti per una rivoluzione. Se vuole veramente che la gente torni a votare, lei e tutta la classe politica risolvete i problemi degli italiani veramente, non state dove state solo per scaldare le poltrone sulle quali sedete. Abbiate l'onestà di lavorare veramente per chi vi paga gli stipendi e i vitalizi e tutti i benefit che prendete. Tanti auguri caro presidente! Io non voto da più di trent'anni. Pensi a quanti giovani del '99 sono nelle zone terremotate abbandonate a se stesse, crede che quei ragazzi andranno a votare? Continuate a comportarvi come vi state comportando e vedrete che alle urne non ci verrà più nessuno! Seneca diceva: se la politica non si occupa di te, tu non ti occupare della politica. Si ricordi presidente: il voto di un cittadino è una cosa seria, un politico se lo deve guadagnare, non è una cosa a buon mercato, intesi!

 


 

sabato 2 dicembre 2017

Dentro al ghetto d'amianto dove vivono i dimenticati del terremoto in Irpinia

"Mi dissero che sarebbero venuti a prendermi dopo pochi mesi. Li sto ancora aspettando."

Mario ha passato gli ultimi trentacinque anni della sua vita in un container di amianto. Prima nelle sistemazioni provvisorie di Barra, poi, da diciotto anni, nei bipiani di Ponticelli. È uno degli 'invisibili' del terremoto dell'Irpinia del 1980, una tragedia che causò quasi tremila morti e oltre 280mila sfollati.

 

Siamo alla periferia est di Napoli, un deserto economico-sociale venuto a sostituire l'attivismo degli anni Settanta e Ottanta. Cirio, Fiat, Corradini: di queste e di altre grandi aziende - un tempo insediate qui - oggi non c'è più traccia. È così che Napoli Est ha smesso di essere il traino industriale della città.
Oggi, tra case popolari e strade ricoperte di rifiuti, sorgono qui u bibiann, i bipiani di Ponticelli. Un ghetto di diciotto container in alluminio ed amianto, nati per dare una sistemazione provvisoria ai terremotati dell'Irpinia, ma divenuti nel tempo la residenza stabile per più di trecento persone.
Concepiti come un parcheggio provvisorio per gli sfollati, questi campi vennero messi in piedi dalle amministrazioni regionali in vari punti della provincia di Napoli nel corso degli anni Ottanta. Dei due ghetti di Barra oggi non c'è più traccia: vennero demoliti verso la fine degli anni Novanta dalla giunta Bassolino e sostituiti da un parco pubblico, mentre le famiglie che vi abitavano vennero ricollocate in nuovi complessi di abitazioni popolari costruite nell'area.
Non tutti furono però così fortunati: Mario, ad esempio, fu trasferito nei container di Ponticelli. Ancora oggi è qui che aspetta un ricollocamento assieme ad altre famiglie.
 

A Ponticelli i bipiani di amianto in effetti esistono ancora, sebbene un lotto sia stato abbattuto tra il 2003 e il 2011 a seguito di alcune tensioni etniche tra i residenti kosovari e serbi. La stessa sorte non è toccata invece al ghetto in Via Fuortes, divenuto ormai uno degli esempi più lampanti dell'intreccio tra malapolitica, mentalità camorristica e invisibilità sociale.
Pochi conoscono bene questo ghetto di sfollati, immigrati e abusivi come Paolo Manzo, un fotografo napoletano che per quattro anni ha sviluppato un progetto fotografico sull'area. Trovandosi a passare di frequente davanti a questo scempio edilizio, ha deciso di entrarci per documentare le condizioni di vita delle persone al loro interno.
"Iniziai a conoscere gente, a capire che aria girava ed a scoprire veramente i bipiani," racconta a oggi a VICE News. "All'inizio ho incontrato un po' di diffidenza, ma con il passare del tempo gli abitanti hanno iniziato a fidarsi di me."
Abbiamo chiesto a Paolo di accompagnarci a fare un giro tra i bipiani di Ponticelli.
Camminando per i cunicoli ricavati tra i container, viene da stupirsi per come queste persone siano riuscite a sopravvivere qui per tutto questo tempo. C'è amianto ovunque, ma soprattutto condizioni igienico-sanitarie disastrose—tra discariche a cielo aperto e tubature di scarico rotte.
Una perenne puzza di bruciato ci aggredisce sin dall'inizio, aumentando man mano che si entra nel cuore dei bipiani. La centralina elettrica, evidentemente sovraccaricata, è annerita dalle bruciature: da qui, centinaia di fili elettrici si diramano per tutto il ghetto, intrecciandosi a più riprese.
Entrando nelle case - se così si possono definire questo tipo di baracche d'amianto - la situazione non è tanto diversa. Per quanto le persone abbiano fatto di tutto per rendere questi luoghi più accoglienti, portandoci televisori, mobili e tappeti ornamentali, è impossibile non fare caso alle pareti corrose e solcate da profondi aloni neri, segno dell'altissima umidità presente nei container.
 

Il problema più serio, tuttavia, è anche quello meno visibile: l'amianto. Dopo avere trascorso decenni rinchiusi in queste gabbie di eternit, i residenti lamentano l'impatto che quest'ultimo ha sulla loro quotidianità, soprattutto in estate.
L'utilizzo dell'amianto, prima che venisse vietato negli anni Novanta, era dovuto alla sua capacità di trattenere il calore. Nella stagione calda i container si trasformano in veri e proprio forni, costringendo le persone a trascorrere la quasi totalità del loro tempo all'aperto, sulle panche in pietra interposte tra i container, dove spesso finiscono anche per mangiare e dormire.
Mario, che ha cinque figli di cui uno disabile, non ne può più di vivere in queste condizioni. "Per ora l'amianto non ci ha ancora fatto nulla, ma arriverà il nostro momento" racconta a VICE News.
In effetti, il processo con cui questo materiale va a colpire le vie respiratorie dell'uomo è molto lento—ecco perché, al momento, possiamo soltanto immaginare l'effetto di questi container sulla salute dei residenti. L'unica apparente certezza, almeno a sentire quelli che vivono nel ghetto, è la causa di morte più diffusa tra i container: il cancro. L'ultima vittima è stata una donna, deceduta l'anno scorso.
VICE News ha parlato con Roberto Braibanti, responsabile ambientale di SEL per la Provincia di Napoli, da anni impegnato in una battaglia per lo smantellamento dei bipiani e il ricollocamento delle persone rinchiuse al loro interno.
"Il problema dei bipiani non è solo un problema sociale, è anche un problema ambientale e di salute pubblica non indifferente," afferma Braibanti, che sottolinea come peraltro l'amianto sia attualmente nella sua fase di 'vita' più pericolosa, quella dello sbriciolamento.
Per questo motivo i container in amianto dei bipiani, oltre a essere un pericolo per i residenti del ghetto, lo sono anche per tutta l'area limitrofa di Ponticelli, investita da una nube invisibile di polvere di amianto trasportata dal vento.
 
Quello che stupisce è la totale assenza di studi epidemiologici che vadano a indagare il legame tra le morti nell'area e la presenza dell'amianto. "È scomodo avere uno studio epidemiologico su questi problemi," è il parere di Braibanti. "Se ci fosse uno studio che solleva il problema, bisognerebbe poi dare una risposta. L'assenza di uno studio permette invece di mantenere il silenzio."
Sebbene molte delle famiglie dei bipiani abbiano intrapreso feroci battaglie per porre fine a questa agonia, per altri residenti questa condizione non sembra essere un peso. Secondo le famiglie italiane che vivono nel ghetto, agli immigrati vivere nei bipiani va bene.
"Molti di loro sono irregolari e un posto come questo gli garantisce l'invisibilità," racconta Mario a VICE News. "Altri invece sono regolari, come gli albanesi, ma hanno una ricchezza [immobiliare] alle spalle" nella loro terra d'origine. Secondo Mario, il loro unico interesse è di avere un punto d'appoggio dove dormire alla fine del turno di lavoro.
Nei bipiani di Ponticelli di italiani ne sono rimasti pochi. Oltre alla famiglia di Mario se ne contano altre nove, peraltro non tutte legate al terremoto dell'Irpinia. È questo lo zoccolo duro dei residenti del 'ghetto', famiglie che hanno assistito nel corso degli anni a un vero e proprio via vai di persone.
Oggi i bipiani si presentano come un mosaico di culture ed etnie differenti: italiani, albanesi, kosovari, serbi, asiatici ed africani, ciascuno insediato nella sua fila di container a formare un mappamondo in miniatura. Un quadro di disperazione, tra chi è stato dimenticato trentacinque anni fa e chi invece ha trovato in questi container - gelidi d'inverno e bollenti d'estate - la migliore delle sistemazioni possibili.
Non è dato sapere chi gestisca questo piccolo business immobiliare, ma è molto probabile che i clan della camorra possano avere un ruolo nell'intera vicenda, spiega Braibanti. "Si tratta di un'attività tipica della criminalità organizzata, e nessuno può davvero escludere che siano le organizzazioni criminali a gestirli," continua il responsabile di SEL. "Tuttavia, nessuno lo può provare in maniera dettagliata."
Secondo Braibanti, più che di camorra bisognerebbe parlare di mentalità camorristica, ovvero di quella propensione - appartenente tanto alla criminalità quanto ai sottoboschi dell'amministrazione - a sguazzare nel degrado e a trovare il modo di trarre profitto da simili situazioni.
Guadagnare sui residenti dei bipiani è comunque un'impresa ardua: nella maggior parte dei casi queste persone non hanno un lavoro, e difficilmente potrebbero trovare un'altra sistemazione fuori dal ghetto. Considerato l'affitto irrisorio, alcuni di loro accettano la sistemazione di buon grado.
Fu questo uno dei motivi che causò lo stop temporaneo del progetto fotografico di Paolo Manzo. "Mi fermai perché mi sentivo un po' tradito," racconta il fotografo a VICE News, "alcune delle famiglie sono ormai assuefatte da questo disagio, ci marciano e hanno smesso di lottare."Rosaria, 47 anni di cui gli ultimi diciassette vissuti nei bipiani, ha una pena sospesa di un anno a causa del mancato pagamento delle bollette elettriche. "In questa situazione pretendono pure che io paghi le bollette," si sfoga. Rosaria teme che le forze dell'ordine possano tornare per condurla in carcere. Allo stesso tempo, però, la donna è intimorita anche da un'eventuale ricollocamento presso le case popolari. "Non so se riuscirei a sopravvivere lì, con le bollette e tutte le altre spese. Sono disoccupata e non mi è rimasto più nulla."
La disoccupazione non è comunque una costante dei residenti dei bipiani. C'è chi faceva l'autista di veicoli commerciali, come Mario; chi lavora in una ditta di trasporti, come Moussa; chi ha un trascorso da pizzaiolo, come Andrea.
Chi non ha un lavoro, s'inventa qualcosa: un ragazzo smonta pezzi di automobile e li rivende, un altro spaccia. Secondo quanto ci raccontano, c'è anche chi si prostituisce per gli uomini del ghetto.

 
In tutto questo, chi manca all'appello sono le istituzioni. Sebbene alcune famiglie siano ormai assuefatte dal disagio, molte altre si svegliano ogni mattina nella speranza di ricevere la chiamata per il ricollocamento.
Sono le stesse famiglie che hanno cercato, nel frattempo, di includere una piccola dose di dignità tra i cunicoli che separano i container. Passeggiandoci si intravede infatti qualche aiuola, un po' di verde qua e là.
C'è perfino un bar. Lo gestisce Pasquale, che offre ai "concittadini" dei bipiani un piccolo luogo di aggregazione sociale.
Secondo Roberto Braibanti, è proprio questo il problema di Napoli Est. "I bipiani non sono l'unico esempio di disastro sociale nella zona. Ci sono molti altri lotti eretti nel post terremoto con problemi di vivibilità" racconta. "In questi nuovi quartieri mancano elementi di aggregazione sociale, non ci sono i servizi e non c'è alcuna possibilità lavorativa."

 
L'unico momento in cui le istituzioni si fanno vedere è in periodo di campagna elettorale. "Politici, ispettori sanitari, assistenti sociali compaiono solo nel periodo delle elezioni, poi scompaiono fino alla tornata elettorale successiva," racconta a VICE News Andrea. "Ecco perché ormai abbiamo smesso di votare."
L'anno scorso, a Ponticelli è comparso anche il premier Matteo Renzi. Una visita a una fabbrica locale di elicotteri, un giro presso il nuovo e futuristico Ospedale del Mare progettato con la consulenza di Renzo Piano, il ritorno a Roma.
"Il premier si è guardato bene dall'andare a vedere i veri problemi di quell'area, come i bipiani o l'area inquinata della Q8," è l'accusa di Roberto Braibanti. "Accendere i riflettori su queste problematiche costringerebbe lo Stato a dare delle risposte."


Articolo:Luigi Mastrodonato
Fotografie: Paolo Manzo

Fonte


Commento di Oliviero Mannucci: L'articolo in questione è di circa un anno fa, ma le cose non sono affatto cambiate, così stavano e così sono rimaste. Ho potuto visitare personalmente vari paesi dell'Irpinia nel 1986. C'erano interi paesi abbandonati, la gente era stata trasferita nei containers, spesso a qualche chilometro di distanza. Interi ospedali baraccati. I politici poi si lamentano, " va sempre meno gente a votare", "c'è troppa distanza tra i cittadini e le istituzioni", "perché la gente si disinteressa della politica?", " non bisogna far governare i 5 Stelle". Io non parteggio per nessuno, tutti coloro che entrano in politica che vengono pagati profumatamente dai cittadini, se non risolvono questi problemi, non sono degni di rappresentare nessuno e andrebbero cacciati a calci nel culo. Cari lettori di "LADRI D'ITALIA" ricordatevi di queste immagini quando dovrete pensare se andare o non andare a votare. Votare uno o l'altro schieramento significa leggittimare un sitema di cose che fa acqua da tutte le parti. Se andate a votare dopo non avete il diritto di lamentarvi di come vanno male le cose. Voi con il vostro voto diventate complici di chi sta distruggendo l'Italia. Ricordatevelo!

sabato 11 novembre 2017

Caos Tari, la tassa sui rifiuti I Comuni l’hanno “gonfiata”

La gran parte dei municipi italiani ha applicato la quota variabile alle pertinenze dell’utenza domestica chiedendo ai contribuenti più di quanto dovevano versare. L’interrogazione del parlamentare 5 Stelle, Giuseppe L’Abbate, e la replica del Mef

Anche stavolta il diavolo sta nel dettaglio. Ad accorgersi del dettaglio un giovane parlamentare del Movimento 5Stelle, Giuseppe L’Abbate. Con l’aiuto del suo commercialista ha notato che nel versamento della tassa sui rifiuti qualcosa non quadrava e per questo ha fatto un’interrogazione parlamentare. Il suo comune, Polignano a Mare nel barese, nel suo regolamento per la Tari aveva applicato la quota variabile a tutte le pertinenze dell’utenza domestica, compresi box e cantine. In realtà, come ha chiarito recentemente il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, si tratta di un’errata comprensione della legge di primo livello, secondo la quale la Tari, per la parte variabile, va applicata soltanto all’abitazione e non anche alle pertinenze. 

 http://i.l43.cdn-news30.it/blobs/variants/d/1/9/9/d1995ae5-dd9c-489b-9518-28915956c0c2_large.jpg?_636151378589798758
Peccato che finora siano stati in pochi, nei regolamenti Tari, ad applicare la normativa come andava fatto ed è pertanto complicatissimo comprendere quanto i contribuenti abbiano già versato impropriamente. Per capire però se si è stati frodati nostro malgrado, è necessario constatare sull’avviso di pagamento — che contiene il riepilogo dell’importo da pagare — le istruzioni per il versamento (scadenza rate e codice tributo) nonché il dettaglio delle somme. È in questa parte che l’ente indica le unità immobiliari (con i dati catastali: foglio, particella, sub), la superficie tassata, il numero degli occupanti e la quota fissa e variabile distinta per ogni unità immobiliare. La quota variabile, ricordiamo, deve essere presente solo per l’abitazione, non anche per le eventuali pertinenze. Per chiedere invece eventuali rimborsi è necessario attendere una circolare ministeriale del ministero dell’Economia, di cui lo stesso Baretta dovrà farsi carico, magari concertandosi con le associazioni dei consumatori.

sabato 14 ottobre 2017

ARRIVA IL FISCAL COMPACT, UNA SCIAGURA PER L'ITALIA,E NESSUNO NE PARLA!!!

Alzi la mano chi nelle ultime settimane ha visto anche solo un trafiletto o un qualche servizio televisivo menzionare il Fiscal Compact.
 http://mm-com.it/roma/wp-content/uploads/2017/07/Eureca-no-fiscal-compact.jpeg
In un clima già da campagna elettorale inoltrata, non passa giorno senza leggere di alleanze che si creano e si disfano, di questo o quell’esponente politico che passa da uno schieramento all’altro, di sondaggi e intenzioni di voto. Questo per non parlare delle infinite discussioni intorno alla possibile legge elettorale con la quale dovremmo andare a votare il prossimo anno. Peccato che qualsiasi futura maggioranza parlamentare e qualsiasi governo dovesse insediarsi all’indomani del voto rischia di essere, se non commissariato, per lo meno fortemente limitato nelle proprie scelte. Se lo scopo principale di un governo è infatti quello di gestire e indirizzare le risorse disponibili per attuare determinate politiche, il futuro sembra verrà deciso altrove. Entro la fine dell’anno, il Parlamento dovrà ratificare il Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’unione economica e monetaria, meglio noto come Fiscal Compact.Tra le diverse disposizioni, questo trattato prevede l’obbligo di riportare entro 20 anni il rapporto tra debito pubblico e Pil alla fatidica soglia del 60%, uno dei parametri degli accordi siglati a Maastricht all’inizio degli anni ’90. Parametri fortemente criticati per la loro arbitrarietà, a maggior ragione perché da applicarsi indistintamente, senza considerare le specificità di un paese, la fase economica o la situazione sociale e occupazionale. L’Italia ha oggi un rapporto tra debito e Pil superiore al 130%. Sarebbe lungo il discorso su come si è arrivati a tale percentuale. Basti ricordare che da oltre il 120% della metà degli anni ’90, si è scesi al 103% nel 2008, per poi registrare un’esplosione che è seguita, in Italia come nella maggior parte delle economie occidentali, allo scoppio della bolla dei mutui subprime. In altre parole una crisi della finanza privata il cui conto è stato scaricato su quella pubblica. Al culmine del paradosso, la prima è ripartita a pieno ritmo, inondata di soldi tramite quantitative easing e altre politiche monetarie, mentre alle finanze pubbliche vengono imposti tagli e controlli durissimi. Ancora peggio, con un ribaltamento dell’immaginario collettivo le responsabilità delle attuali difficoltà vengono addossate ai debiti pubblici.
 http://www.lavocedinewyork.com/wp-content/uploads/oldmedia/0012/file-12728-media.jpg
Tale ribaltamento di cause e conseguenze della crisi è la giustificazione per volere introdurre un trattato con forza superiore alle legislazioni nazionali che ci imporrà di scendere dal 130% al 60% in venti anni. Secondo i suoi difensori, il Fiscal Compact più o meno “si pagherà da solo”. Crescita dell’economia e inflazione dovrebbero garantire un aumento del Pil che porterebbe a ridursi il rapporto debito/Pil. “Basterebbe” quindi un avanzo di bilancio non troppo gravoso per rispettare i dettami del Fiscal Compact. Dovremmo quindi imporci di rinunciare a qualsiasi margine di manovra dei prossimi governi per realizzare avanzi primari, ovvero sempre più tasse e sempre meno servizi erogati. Questo nella migliore delle ipotesi. Non è chiaro chi abbia la sfera di cristallo per potere prevedere crescita dell’economia e inflazione su un periodo di venti anni. I risultati del recente
passato – per non parlare di possibili nuove crisi in un mondo sempre più dominato dalla finanzaspeculativa – non invitano certo all’ottimismo. In caso di una nuova, probabile, flessione dell’economia, rispettare il Fiscal Compact significherebbe un disastro sociale ed economico. Quello che però colpisce di più è l’affermazione definitiva della tecnocrazia sulla democrazia.
 http://www.groundzeromedia.org/wp-content/uploads/2016/06/bilderberg-group-Pesquisa-Google-Google-Chrome-2015-04-26-17.35.57.png
Qualsiasi futuro governo dovrà operare entro margini strettissimi e imposti da una visione dell’economia come una scienza esatta, guidata da regole matematiche dove il benessere dei cittadini o l’ambiente diventano le variabili su cui giocare, mentre i parametri macroeconomici sono immutabili. Indipendentemente da cosa ci riserva il futuro, il debito va ridotto a marce forzate e questo va garantito a ogni costo. Che il costo sia disoccupazione, perdita di diritti, impossibilità di investire per una trasformazione ecologica dell’economia, non è un problema, non può essere nemmeno materia di discussione. Attac Italia ha provato a rompere il silenzio lanciando una campagna di informazione e una petizione da firmare on-line. Perché è a dire poco incredibile assistere al livello di un dibattito concentrato sulle presunte responsabilità dei migranti, mentre in un Paese con 4,8 milioni di persone in povertà assoluta stiamo affermando che ci imponiamo vent’anni di alta pressione fiscale e tagli alla spesa pubblica e ai diritti fondamentali. Il problema non è e non può essere “prima gli italiani”. Il problema è se sia possibile sancire che la vita delle persone – di tutti noi – sia sacrificabile nel nome di una percentuale decisa decenni fa da qualche burocrate.
(Andrea Baranes, “Fiscal cosa?”, da “Sbilanciamoci” del 10 ottobre 2017. Per informazioni e per firmare la petizione: www.stopfiscalcompact.it).

giovedì 28 settembre 2017

Concorsi truccati all'università, a Firenze i primi interrogatori di garanzia dei docenti

Il rettore dell'Ateneo fiorentino: "Siamo doppiamente feriti perché non vogliamo che una malattia venga scambiata per una epidemia". Il sindaco di Firenze: "Storia odiosa, avvelena i pozzi della cultura"

 

 https://3.bp.blogspot.com/-_jG2o27qA9I/WcqleOhv6VI/AAAAAAAATcE/I0lpMFVCqnk61N_952ILuhRfxT0y9pEsQCLcBGAs/s1600/concorsitruccati.jpg

 

Firenze, 26 settembre 2017 - Università nella bufera: inizieranno oggi pomeriggio gli interrogatori di garanzia dei docenti coinvolti nell'inchiesta per corruzione in ambito accademico.
Il primo ad essere sentito dal gip Antonio Pezzuti sarà Adriano Di Pietro, uno dei sette finiti agli arresti domiciliari. Gli interrogatori riguarderanno anche i 22 professori sottoposti alla misura dell'interdizione. Dopo i destinatari della misura, il gip interrogherà gli accademici per i quali si era riservato la decisione l'interdizione: tra questi l'ex ministro Augusto Fantozzi. IL RETTORE DELL'ATENEO FIORENTINO  -  "Noi siamo i primi a volere che siano accertate quanto prima le responsabilità e se accertate che la punizione sia severa, rigorosa, esemplare. Ma nella comunità universitaria italiana ci sono migliaia di professori e di ricercatori che lavorano con onestà e hanno come faro il merito, la valutazione e la trasparenza. Siamo doppiamente feriti perché non vogliamo che una malattia venga scambiata per una epidemia. Lo ha detto, stamane in una conferenza stampa, il rettore dell'ateneo fiorentino, Luigi Dei, commentando quanto emerso finora nell'ambito dell'indagine sui concorsi truccati. "Questi fatti - ha osservato il rettore - feriscono in prima battuta e soprattutto la comunità universitaria. Siamo colpiti, tristi e amareggiati. Cose di questo genere non dovrebbero mai succedere".
IL SINDACO DI FIRENZE  NARDELLA -  "Mi rivolgo ai tanti studenti, ricercatori e professori che ogni giorno si impegnano con onestà, dedizione e passione, affinché rompano il vergognoso velo di omertà che ancora oggi copre il mondo della ricerca e dell'università. È il momento di reagire per il bene dell'Italia, per restituire fiducia ai cittadini e per lasciare ai nostri giovani l'opportunità di provarci e di far valere il proprio talento e il proprio sacrificio". Lo scrive in un post su Facebook il sindaco di Firenze Dario Nardella, in merito all'inchiesta sui concorsi truccati all'università. "Mi colpisce al cuore la notizia degli arresti e delle indagini su decine di professori universitari in tutta Italia, accusati di aver truccato concorsi pubblici spartendosi cattedre e favori. Mi colpisce in maniera particolare perché si parla di un mondo che conosco bene e nel quale ho speso molti anni della mia vita come studente, come dottorando di ricerca e come docente precario" ha aggiunto.
"E mi ferisce - aggiunge  - perché è un caso diffuso in tutta Italia e tocca anche la mia città, Firenze, capitale della cultura e simbolo di quel Rinascimento di arti e di pensiero che ha nutrito per secoli l'umanità intera. Questa storia è odiosa perché avvelena i pozzi della cultura, della ricerca e della formazione, distrugge la speranza delle nuove generazioni e mina la fiducia dei cittadini verso l'istituzione universitaria che dovrebbe essere la colonna portante di un paese. Non dobbiamo arrenderci alla miseria umana e morale che ha contagiato i nostri atenei". "Chiediamo anzitutto alla magistratura - aggiunge Nardella - di fare presto e, se accertate le responsabilità, di punire in modo esemplare chi si è macchiato di questi reati. Truccare un concorso vuol dire uccidere la meritocrazia e compromettere il sogno di crescita e la credibilità di un paese e della sua classe dirigente". «Noi siamo i primi a volere che siano accertate quanto prima le responsabilità e se accertate che la punizione sia severa, rigorosa, esemplare. Ma nella comunità universitaria italiana ci sono migliaia di professori e di ricercatori che lavorano con onestà e hanno come faro il merito, la valutazione e la trasparenza. Siamo doppiamente feriti perché non vogliamo che una malattia venga scambiata per una epidemia». Lo ha detto, stamane in una conferenza stampa, il rettore dell'ateneo fiorentino, Luigi Dei, commentando quanto emerso finora nell'ambito dell'indagine sui concorsi truccati. «Questi fatti - ha osservato il rettore - feriscono in prima battuta e soprattutto la comunità universitaria. Siamo colpiti, tristi e amareggiati. Cose di questo genere non dovrebbero mai succedere». (ANSA).

Commento di Oliviero Mannucci: Questo è il principale motivo perchè l'Italia non spiccherà mai il volo. Ci sono troppi personaggi, in tutti gli ambiti, che si credono furbi e invece sono dei semplici COGLIONI!!!!

sabato 9 settembre 2017

Della serie la democrazia delle banane - Vietata a Roma la manifestazione contro la classe politica al Governo

di armando mannocchia 

-


Armando Manocchi, direttore di Imola Oggi e promotore della manifestazione che avrebbe dovuto tenersi di fronte a Montecitorio il 12 settembre, ha inviato questa nota in cui denuncia la sistematica violazione nei suoi confronti del principio di libertà di associazione:
La manifestazione Avviso di sfratto in programma il 12 settembre ci è stata vietata! Viene leso uno dei più importanti Diritti inalienabili, quello di manifestare le proprie opinioni e il proprio dissenso. Nel contempo viene violata anche la Costituzione Italiana
Prendiamo atto di essere in un regime dittatoriale! Oltre a vederci bloccati sui profili e sulle pagine dei social, e quindi lesi nella libera espressione e di stampa, ora ci impediscono anche di manifestare. E’ di una gravità inaudita vietare una manifestazione spontanea, di popolo, pacifica, civile, democratica e autorizzata, indetta da una persona al di fuori delle parti e soprattutto al di sopra di ogni sospetto dal punto di vista etico e morale.
Ma non dobbiamo farci intimidire. Armando Manocchia, il promotore dell’evento , come da programma, nonostante sia consapevole delle conseguenze alle quali potrà andare incontro con questo regime, sarà in piazza Montecitorio il 12 settembre alle ore 15 per esercitare un diritto inalienabile sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e dalla Costituzione Italiana.
Siamo determinati più che mai ad andare avanti e ritiene che, malgrado stiamo accettando di tutto, ingiustizie, vessazioni, soprusi, ruberie, con la giustificazione che sia per il bene di tutti, non possiamo accettare che vengano lesi, violati alcuni diritti fondamentali, diritti inalienabili come la possibilità di manifestare il proprio dissenso e di esprimere le proprie opinioni. Questo NO. Questo non lo dobbiamo accettare mai!
Questo divieto ad una manifestazione spontanea, di popolo, assolutamente civile, democratica e indiscutibilmente pacifica, aldilà di come è stata dipinta dal Questore di Roma in un atto arbitrario e politico, oltre che illegale, incostituzionale, soprattutto offensivo e lesivo della onorabilità del promotore e dei Cittadini che vi hanno aderito, descritti come persone che potrebbero mettere a rischio la sicurezza e l’ordine pubblico. Anche una Boldrini arriva a capire che quella del questore non è una azione nell’esercizio delle sue funzioni, ma una azione politica vera e propria a difesa di un sistema che sta depredando, desovranizzando e dissolvendo l’Italia e gli Italiani e che il questore, ordinamento giuridico alla mano e magistratura non collusa, avrebbe da tempo dovuto o dovrebbe reprimere quanto prima.
Abbiamo tentato persino una mediazione con la questura, ma l’esito è stato negativo. Interposte persone da noi incaricate, hanno tentato di dialogare con funzionari della questura di Roma al fine di far notare che questa situazione non è risolvibile attraverso il ricorso al TAR del Lazio, perché non ci sono i tempi tecnici. Non è risolvibile nemmeno attraverso il ricorso al Capo dello Stato, non soltanto per i tempi tecnici, ma soprattutto perché non ci sono i presupposti per fare ricorso al Capo dello Stato, visto che lo scopo stesso della manifestazione, non riconosce l’occupante abusivo del Quirinale come Presidente della Repubblica perché anch’egli, come il governo e il Parlamento, è incostituzionale.
Inoltre, è stato fatto loro notare che non è risolvibile, perché è tecnicamente e materialmente impossibile fermare decine, se non centinaia di migliaia di persone che hanno aderito spontaneamente ad una manifestazione di popolo, una manifestazione pacifica e apartitica per esprimere civilmente il dissenso a questa casta di parassiti, collusi, indagati, rinviati a giudizio, condannati, ladri, corrotti, corruttori, golpisti e traditori della Patria.
Manocchia fa sapere che, per correttezza, i Cittadini, i comitati, le associazioni, nonché i partiti e movimenti che hanno aderito, sono stati informati sul fatto che la manifestazione è stata VIETATA attraverso un comunicato stampa pubblicato su imolaoggi.it, nel quale non invita la gente a partecipare per non offrire alla Gestapo e detrattori vari l’assist per aggravare la sua posizione e quindi invita a decidere secondo coscienza se aderire e partecipare o meno e soprattutto a decidere in funzione di cosa vogliono fare per gli Italiani e per l’Italia. Insomma, decidere se si vuole continuare a far sì che questa cloaca, questa casta di criminali continuino a svendere e distruggere il nostro Paese ed a massacrare e schiavizzare il suo popolo.
Manocchia è eventualmente reperibile al 3398704071

Fonte

venerdì 17 luglio 2015

ITALIA SOTTO DITTATURA STRANIERA


Il punto di forza di un regime antidemocratico è il controllo capillare e centralizzato delle informazioni personali di ogni persona fin dalla nascita, ovvero cittadina e cittadino. Mai sentita nominare la Sogei o il Reparto Informazioni e Sicurezza? Fareste bene ad informarvi fino in fondo, prima di abdicare alla vostra personale sovranità umana. 
 
 
 
 
Oggi i dittatorelli in circolazione sulla scena per conto terzi non hanno il fisico né il cervello di una volta, ma comunque fanno ossequiosamente il lavoro sporco per chi vuole dominare, mettere sotto catena e infine inglobare il mondo. Grazie anche al giornalismo venduto al miglior offerente o senza spina dorsale.

Nel belpaese la fantascienza ha surclassato la realtà: basti pensare all’introduzione nel 2003 della tessera sanitaria che incorpora alcuni codici militari elaborati dal Pentagono, nonché alle attività illecite di Eurogendfor (pilotata dalla Nato) fuori dal controllo di legalità della magistratura e del Parlamento di ogni singola ex nazione aderente all'Unione europea. 
Non a caso, nella solita disattenzione generale, proprio il 3 luglio 2015 il governicchio Renzi (telecomandato dall’estero in ossequio ai diktat speculativi massonici e finanziari) imposto dall’abusivo Napolitano ma non votato dal popolo sovrano, ha varato alcuni provvedimenti palesemente incostituzionali. 

Ecco qualche esempio eclatante andato in onda nel consiglio dei ministri numero 72, dove ha presenziato anche il ministro Orlando, quello che ha nominato Adriano Sofri, (vale a dire il mandante dell'omicidio del commissario Luigi Calabresi), consulente ministeriale di "grazia e giustizia":

«ANAGRAFE NAZIONALE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE
Regolamento recante adeguamento del regolamento anagrafico della popolazione residente, alla disciplina istitutiva dell’anagrafe nazionale della popolazione residente (Decreto del Presidente della Repubblica – Esame definitivo).

BANCA DATI NAZIONALE DEL DNA E LABORATORIO CENTRALE
Regolamento recante disposizioni di attuazione della legge 30 giugno 2009, n.85, concernente l’istituzione della banca dati nazionale del DNA e del laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA (Decreto del Presidente della Repubblica – Esame preliminare).

TRATTAMENTO DEI RIFIUTI E CONTINUITA’ PRODUTTIVA DI SITI INDUSTRIALI  

Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, un decreto legge in materia di rifiuti e di continuità delle attività produttive in siti di interesse strategico nazionale.

STATI DI EMERGENZA

Xylella

In considerazione del perdurare dello stato di emergenza in atto per fronteggiare il rischio fitosanitario connesso alla diffusione nel territorio della Regione Puglia del batterio patogeno da quarantena Xylella fastidiosa (Well e Raju), il Consiglio dei ministri ha approvato una delibera che consente l’adattamento del Piano del Commissario di Protezione civile alle disposizioni del decreto 19 giugno 2015 del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, che attua le decisioni dell’Unione europea per il contenimento della diffusione dell’organismo nocivo».
L’ennesimo decreto salva Ilva (l’ottavo) viola ben 6 articoli della Costituzione. È quanto sostiene a buon diritto il gip di Taranto Martino Rosati che, su richiesta della Procura della Repubblica jonica, ha sollevato la questione di legittimità dinanzi alla Consulta non lesinando una serie di “censure” all’operato dell’esecutivo che ha varato un provvedimento per scongiurare il sequestro dell’Altoforno 2, l’impianto nel quale ha perso la vita l’operaio Alessandro Morricella, e il conseguente fermo dell’intera fabbrica. Secondo il giudice Rosati il nuovo provvedimento collide con sei articoli tra i quali l’articolo 2 e 4 della Costituzione. L’articolo 2 della Costituzione impegna lo Stato a garantire i diritti inviolabili dell’uomo, ma il nuovo decreto consente «l’esercizio dell’attività d’impresa – scrive il giudice – pur in presenza di impianti pericolosi per la vita o l’incolumità umana senza pretendere dall’azienda l’adeguamento degli stessi alle più avanzate tecnologie di sicurezza». Il magistrato, inoltre, ha sottolineato che vi sono “dubbi di legittimità” anche rispetto all’articolo 4 della Costituzione che “riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto”: ma la nuova norma varata dal Consiglio dei ministri avrebbe dovuto tener conto del principio per cui il diritto al lavoro non è da intendersi come “un’attività lavorativa, quale che essa sia e quali che siano le condizioni in cui la stessa si svolga”, ma anzi proprio quel diritto «impone, in primo luogo e quale presupposto essenziale e inderogabile, che il lavoratore operi in condizioni di massima sicurezza». L’Altoforno 2, invece, anche per ammissione della stessa Ilva è priva di una serie di dispositivi di sicurezza che mettono a rischio l’attività dei lavoratori come dimostrato anche da un altro evento anomalo che si è verificato pochi giorni dopo l’incidente che ha ucciso il 35enne tarantino. Ma a queste violazioni, inoltre, vanno aggiunte una serie di lacune che secondo il gip di Taranto sono presenti nel provvedimento del Governo varato “in tutta fretta” solo con l’obiettivo di “neutralizzare gli effetti del sequestro dell’altoforno Afo 2 della stabilimento”. La norma prevede che in presenza di sequestro gli stabilimenti di interesse strategico nazionale possano continuare a produrre anche se gli impianti non rispettano le norme di sicurezza semplicemente presentando entro 30 giorni di tempo un piano di interventi e possono operare per 12 mesi in attesa di adeguarsi a quel piano. Il decreto 92, per il giudice Rosati, presenta una «siderale divergenza» rispetto ai vari principi costituzionali che solo una serie di emendamenti del Parlamento in fase di conversione in legge può ridurre. Una norma, quindi, frutto della fretta che contiene uno “sbrigativo” richiamo alla precedente legge che autorizzava Ilva a produrre acciaio in attesa di adeguarsi alle prescrizioni dell’autorizzazione integrata ambientale pur continuando a diffondere emissioni nocive per la salute degli operai e dei cittadini di Taranto. Ma è proprio nel raffronto con quella normativa che il gip Rosati ha puntato il dito contro l’operato dell’esecutivo spiegando che quest’ultimo decreto che riguarda la sicurezza dei lavoratori a differenza del precedente che invece riguardava le violazioni ambientali non contiene alcuna sanzione per la fabbrica. Non solo. Il piano di interventi dovrebbe essere presentato a vigili del fuoco, Inail e Asl “senza nessuna forma di controllo”. Per il magistrato, quindi, potrebbe verificarsi che il decreto «risulterebbe rispettato, con conseguente diritto alla prosecuzione dell’attività produttiva» anche in presenza di misure di intervento inadeguate o insufficienti. «È oggi consentito per Iegge” conclude il giudice tarantino “che un’azienda, se d’interesse strategico nazionale, possa continuare a svolgere la propria attività anche quando tale esercizio sia suscettibile di aggravare o protrarre le conseguenze di un reato, se non addirittura costituisca esso stesso reato, e che ciò essa possa fare per un anno, soltanto limitandosi a predisporre e comunicare un piano di interventi ad alcuni enti pubblici, che non possono nemmeno sindacarne contenuti ed attuazione».

Dulcis in fundo: in Puglia ossia in Italia, non esiste alcuna emergenza Xylella come già ampiamente dimostrato in una precedente inchiesta sul campo. Alla prova dei fatti la Xylella non c’è, non è mai apparsa in Europa. E latitano pure le prove scientifiche: il saggio di patogenicità. Eppure le autorità regionali e nazionali hanno minacciato di distruggere gli uliveti salentini, non si sa per miopia o calcolo speculativo, invece di attuare la bonifica delle aree inquinate dagli sversamenti ecomafiosi e di proibire l'uso dissennato di pesticidi.
Allora, non abbiamo che da perdere le catene, o soccombere, ma senza lamenti italidioti per carità. Siamo sotto scacco a causa della nostra inerzia individuale, sociale e politica. Nel 1947, i padri costituenti hanno consegnato al popolo sovrano la Costituzione repubblicana (inattuata e stracciata con l'entrata in vigore nel 2009 del Trattato di Lisbona), con il compito precipuo di controllare il potere. La libertà va conquistata e salvaguardata. Dunque, la parola d'ordine è ribellione popolare. Che fare? Mettere in pratica la disobbedienza civile. Un pacifico sciopero generale ad oltranza fino alle dimissioni dell'esecutivo eterodiretto di mister Renzi, obiezione fiscale a tappeto perché con una pressione fiscale dello Stato al 60 per cento (record mondiale) il reato è la tassa, non l'evasione. Infine, istituzione di una nuova Costituente.



riferimenti:




inchieste:





http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=corte+costituzionale 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=napolitano 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=anagrafe 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=italicum 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=ris 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/07/italia-su-la-testa_15.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/07/il-governicchio-renzi-con-sofri-ha.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/05/usa-alleati-di-mafia-dal-1943-contro.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/10/italia-stato-di-mafia.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/02/italia-l-obiezione-fiscale-ad-oltranza.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/10/italia-analfabeta.html


Gianni Lannes 

Fonte 

domenica 12 luglio 2015

La Camera dice sì al "prelievo forzoso": presto si potranno colpire i conti correnti

La Camera ha recepito la direttiva Ue, che legittima il bail in. In caso di crisi bancarie, a pagare sarà chi sul conto ha una somma ingente di denaro

 http://robertoimprota.net/wp-content/uploads/2014/04/vignetta-crisi-314.jpg
 Approvata alla Camera in via definitiva la legge di delegazione europea 2014 che recepisce 58 direttive europee, adegua la normativa nazionale a 6 regolamenti Ue e attua 10 decisioni quadro. I sì sono stati 270, 113 i no, 22 gli astenuti. Tutte direttive che ci riguardano da vicino, o meglio riguardano da vicino i nostri soldi: in Italia adesso è legittima la procedura di "bail in", un piano ben preciso che prevede che, in caso di crisi, siano i creditori e i correntisti a pagare per gli errori commessi dalle banche che, se non corretti, potrebbero tradursi in vere e proprie bombe sistemiche. Insomma con effetto a partire dal 2016, in caso di crisi di liquidità di banche, i problemi - come dice la parola bail in, in contrapposizione a quella di bailout (aiuti che vengono dall'esterno) - saranno risolti accedendo, in caso di necessità, anche ai depositi superiori ai 100mila euro.

Fonte